Comunicato del Sindaco 29 ottobre. 68 casi COVID-19

Data:
30 Ottobre 2020
Immagine non trovata

Cari Olgiatesi,

volevo confermare la modalità di fare un solo comunicato alla settimana per aggiornare sulla situazione della pandemia nella nostra Città e per non appesantire ulteriormente il momento storico che stiamo vivendo...ma credo che visti i numeri apparsi questa sera sul portale ATS non escludo ci possano essere altre comunicazioni nei prossimi giorni.

Partiamo dai numeri che hanno la loro importanza e vanno letti nella maniera corretta, ecco perché il dato del passaggio in una sola settimana da 20 a ben 68 nuovi casi di positività ( tra asintomatici ed alcuni nostri concittadini ricoverati) come risulta dal portale ATS alle 21.30 del 29 ottobre non deve essere per nulla sottovalutato ed anzi ci impone di alzare ulteriormente la soglia della nostra attenzione a livelli molto più alti.

Durante tutta la prima fase della pandemia ma con un numero di tamponi di molto inferiore, abbiamo avuto a Olgiate Comasco 42 casi totali...oggi sono ben 68 ( …e continuo purtroppo a credere per difetto).

32 sono invece i nostri concittadini in sorveglianza in attesa dell’effettuazione e/o dell’esito del tampone.

Vorrei poter giàcomunicare anche il numero dei guariti, elemento per tutti fondamentale ma stiamo facendo alcuni controlli incrociati per avere conferma al 100% dei risultati.

Dobbiamo al più presto rimettere in pratica tutti quei comportamenti virtuosi che possano impedire un ulteriore diffusione del virus e di entrare in contatto con esso: indossare le mascherine che abbiamo visto rappresentare una barriera fisica contro il virus, il distanziamento ed il lavaggio delle mani, gesti peraltro entrati nel nostro modo di vivere quotidiano.

In settimana grazie ai canali social ho chiesto ai cittadini risultanti positivi al tampone di avvisarmi direttamente tramite il mio indirizzo mail in Comune  ( simone.moretti@comune.olgiate-comasco.co.it) così da poter anticipare i tempi ed attivarci come Comune per tutte le azioni da mettere in campo.

Ringrazio i cittadini che anche stamattina mi hanno comunicato la loro situazione, visto e considerato che alcuni nominativi non compaiono ancora sul portale: un segnale preoccupante di come il tracciamento e la comunicazione, già carente a marzo…continui purtroppo ad avere falle.

Visti questi numeri in prepotente ed inaspettata salita, si rischia di non riuscire ad intervenire in maniera tempestiva, lasciando in un limbo con poche certezze e tante preoccupazioni  tanti nostri concittadini o interi nuclei famigliari.

INVITO per un Tracciamento dei contatti “fai da te”.

Se oltre a scaricare la App IMMUNI sui cellulari noi tutti, dai più giovani ai meno giovani ma soprattutto le persone anziane e le categorie più a rischio segnassimo ogni giorno gli incontri fatti e con chi, in caso di positività si riuscirebbe più facilmente a risalire a tutti i contatti ed avvisarli.

VACCINAZIONI.
Questa estate più volte era stata annunciato l’arrivo di una seconda ondata in concomitanza con le prime influenze e puntualmente si sta verificando: forse anche in maniera anticipata rispetto al previsto.
Per questo motivo quest’anno più che mai è importante mettersi in contatto con il proprio medico curante per prenotare il vaccino anti influenzale, soprattutto se si è over 65 o si appartiene ad una categoria a rischio.

Confermo la partenza dal prossimo 2 novembre delle vaccinazioni al Medioevo da parte di 4 medici di base, mentre altri 3 medici di base li effettueranno presso i loro ambulatori.
Sulla partita Vaccini e Tamponi, così come i Test Sierologici ed i Tamponi rapidi gli Enti preposti alla loro fornitura non possono più sbagliare o aspettare, per questo auspichiamo che al più presto possano esserci vaccini per tutti i mutuati dei medici i base, anche prima della metà di novembre e strumenti che siano in grado di monitorare anche in maniera preventiva il nostro stato di salute.

Adesso abbiamo davanti i mesi più duri e climaticamente parlando più impegnativi anche per le forme influenzali, per questo dobbiamo tenere duro: senza dimenticare o non prendere in considerazione che…nonostante tutte le nostre attenzioni, qualora e se la cura dei contagi dovesse rimandare in sofferenza le terapie e gli ospedali, potremmo avere un nuovo e prolungato “lockdown”.

Per evitarlo dobbiamo modificare il nostro stile di vita per evitare il più possibile di entrare in contatto con questo virus.

E nonostante tutte le precauzioni, nonostante il rispetto più rigoroso di tutti i nostri comportamenti virtuosi, potremmo lo stesso doverci prendere un periodo di convivenza forzata con il corona virus.

“Non dobbiamo vergognarci di aver preso o di prendere il virus, ma dovremmo provare vergogna ad additare come “untore” chi sta vivendo a contatto con il covid o chi non si mette a disposizione per un aiuto per chi è in quarantena. Non dobbiamo vergognarci di essere positivi…dovremmo vergognarci di non essere umani”.

Da qui in avanti saranno solo ed esclusivamente i nostri comportamenti rispettosi delle regole quelli che determineranno i provvedimenti dei prossimi mesi…e fra poco meno di 8 venerdì tutti quanti noi vorremmo festeggiare il Natale assieme alle nostre famiglie e non da soli...

L’Amministrazione Comunale di Olgiate Comasco e tutta la cittadinanza sono vicini ai nostri concittadini ed alle loro famiglie che si trovano a vivere la positività e la quarantena, come fatto fin dallo scorso mese di marzo.

Il C.O.C. ( Centro Operativo Comunale) è sempre rimasto attivo per l’assistenza alle famiglie, per provvedere alle persone che abitano da sole senza aiuti ( per le spese a domicilio), in collaborazione anche con i volontari delle associazioni del territorio, che assieme alla protezione civile non si sono mai fermati.

Si chiede a tutti responsabilità, raziocinio, equilibrio, realismo e tanta ma tanta pazienza perché alla fine ne usciremo vincitori solo insieme.

Il vostro Sindaco,

Simone Moretti

Ultimo aggiornamento

Venerdi 20 Novembre 2020