EMERGENZA UCRAINA - Informazioni per la PRIMA ACCOGLIENZA

Data di pubblicazione:
09 Marzo 2022
EMERGENZA UCRAINA  - Informazioni per la PRIMA ACCOGLIENZA

Buona serata a tutti,
in queste giornate frenetiche tra aiuti da inviare e la situazione della guerra in Ucraina da tenere sotto controllo, tanti nostri concittadini stanno chiedendo informazioni certe e precise per due casistiche in particolare:

- per i ricongiungimenti dei parenti delle persone ucraine già residenti in Italia;

- per l'accoglienza e ospitalità dei profughi che scappano dalla guerra.

Il Comune di Olgiate Comasco assieme alla Parrocchia di Olgiate ed alla Caritas, non avendo immobili o alloggi da mettere a disposizione, è in contatto e seguirà le indicazioni della Prefettura di Como, dell'ANCI, ATS Insubria e del Consorzio dei Servizi Sociali dell.Olgiatese per coordinare la prima assistenza
Ecco le prime indicazioni da seguire per l'accoglienza e l'ospitalità.

ADEMPIMENTI BUROCRATICI

COMUNE di OLGIATE COMASCO

Si ricorda che quanti hanno accolto o accoglieranno persone provenienti dall’Ucraina sono tenuti a compilare ed inviare entro 48 ore dal loro arrivo la "dichiarazione di ospitalità" al SINDACO, autorità di pubblica sicurezza, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Olgiate Comasco.

QUESTURA DI COMO

Permesso di soggiorno per protezione temporanea

Ogni cittadino ucraino in possesso di un passaporto biometrico è esentato dal visto d’ingresso e può permanere sul territorio nazionale per un massimo di 90 giorni dal momento dell’ingresso nell’area schengen. 

Il termine di 90 giorni decorre dalla data in cui è stato apposto sul passaporto il timbro di ingresso in un paese dell’area Schengen (Polonia, Slovenia, Romania ecc…).

In caso di assenza del timbro apposto sul passaporto i cittadini ucraini devono recarsi presso la Questura-ufficio immigrazione per rendere la dichiarazione di presenza.

Per coloro che intendono permanere in Italia oltre i 90 giorni, in seguito alla Decisione 2022/382 del Consiglio dell’Unione Europea, è stata prevista la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno per protezione temporanea di durata annuale.

Si rappresenta che la validità di tutti i permessi rilasciati non potrà superare la data del 4 marzo 2023.

La richiesta di tale tipologia di permesso è riservata ai soli:

cittadini ucraini e ai loro familiari residenti in Ucraina prima del 24 febbraio 2022;

Apolidi e cittadini di stati terzi diversi dall’ucraina e ai loro familiari che beneficiavano di protezione internazionale o di protezione nazionale equivalente in Ucraina prima del 24 febbraio 2022.

Da lunedì 14 marzo 2022 è possibile presentare istanza per chiedere il permesso sopra citato.

Per prenotare un appuntamento presso l’ufficio immigrazione è necessario utilizzare il sistema di calendarizzazione online raggiungibile sul sito prenotafacile.poliziadistato.it e selezionare la voce “rilascio di un permesso per protezione sussidiaria/speciale”. Gli utenti dovranno obbligatoriamente rispettare il giorno e l’orario della convocazione.

Il giorno dell’appuntamento l’utente dovrà essere in possesso del passaporto biometrico, 2 fototessere, copia della comunicazione di ospitalità e della dichiarazione di presenza (se effettuata).

Nel caso di minorenni accompagnati da persone adulte che ne dichiarano la responsabilità genitoriale sarà  necessario presentare documentazione attestante il rapporto di  parentela.

Nel caso di minori non accompagnati, la presentazione dell’istanza e il successivo rilascio del titolo sarà possibile solo dopo che sia stata attivata la procedura prevista dalla legge 47/2017.

Se non si è in possesso del passaporto o di altra documentazione richiesta occorre rivolgersi alle relative rappresentanze diplomatiche ucraine presenti in Italia.

Si ricorda che per poter accedere all’ufficio immigrazione è necessario essere in possesso del green pass.

COME SEGNALARE L’ACCOGLIENZA DI PROFUGHI UCRAINI

Per gestire l’ospitalità in questa fase di emergenza da parte dei cittadini che si stanno spontaneamente offrendo per accogliere cittadini/e ucraini/e in fuga dalla guerra, chiediamo di seguire le seguenti indicazioni.

Cosa devo fare se accolgo in una casa di cui sono titolare (proprietario o affittuario) persone ucraine?

Modalità della comunicazione per alloggi offerti da privati

Per le comunicazioni di ospitalità offerta da privati è possibile utilizzare gli appositi modelli allegati:

- Occorre compilare il modulo Comunicazione di ospitalità cittadini extracomunitari https://comune.olgiate-comasco.co.it/modulistica/categorie/778904/schede/1296801-comunicazione-ospitalita-cittadini-extracomunitari  

- Consegnandoli all'ufficio Protocollo oppure via email a urp@comune.olgiate-comasco.co.it corredati dei documenti di identità dei firmatari ed i dati richiesti.

- Per rispettare i tempi di presentazione della Comunicazione, non è necessario fissare un appuntamento per recarsi in Comune.

RICERCA FAMIGLIE AFFIDATARIE a OLGIATE COMASCO.

Dopo l’arrivo dei primi 31 cittadini e cittadine ucraine a Olgiate Comasco, ospitate in famiglia, nei prossimi giorni attendiamo l’arrivo di numerosi bambini e ragazzi soli, non accompagnati né dai genitori né da altri famigliari, in fuga dall’Ucraina.

Per loro sarà necessario organizzare forme di ospitalità temporanea sul nostro territorio.

Invitiamo quindi tutte le persone singole, coppie o famiglie che desiderano offrire la loro disponibilità all’accoglienza, a scrivere all’indirizzo mail ucraina@servizisocialiolgiatese.co.it.

Successivamente verrete contattati da un nostro operatore per approfondire la conoscenza in previsione del possibile avvio di questa esperienza.

RACCOLTA FONDI
La Caritas diocesana di Como ha lanciato una campagna di raccolta fondi a sostegno degli interventi di emergenza della rete Caritas in Ucraina, nei Paesi di confine, in Italia.

È possibile partecipare con donazioni indirizzate a:
c/c bancario presso Credito Valtellinese
IBAN: IT 95 F 05216 10900 0000 0000 5000
intestato Caritas Diocesana di Como – Viale Battisti 8 – 22100 Como.
Causale: Emergenza Ucraina

Se la persona che arriva necessita di cure mediche dove posso andare?

  1. Tutti i cittadini ucraini presenti possono accedere alle cure emergenziali al Pronto Soccorso, pagando eventualmente il ticket se la prestazione non era urgente;.
  2. Si suggerisce di portare con sé passaporto e eventuali medicine o terapie seguite;
  3. Tutti i minori possono accedere al pronto soccorso per le valutazioni urgenti, nei prossimi giorni si chiariranno le modalità di accesso ai pediatri locali.

Si sottolinea che le informazioni qui presenti saranno oggetto di aggiornamento continuo in base alle indicazioni che saranno fornite dallo Stato.

Grazie a tutti per la preziosa collaborazione.

Il vostro Sindaco,
Simone Moretti

Ultimo aggiornamento

Venerdi 30 Settembre 2022