Immagine non trovata

Cari Olgiatesi,

purtroppo e come temevamo, dal controllo quotidiano del portale dedicato ai Sindaci di A.T.S. abbiamo oggi CINQUE (5) nostri concittadini risultati positivi al COVID-19 (Coronavirus); 13 sono invece sorveglianza per essere stati a contatto con positivi.

Uno dei nostri positivi è ricoverato in una struttura sanitaria, tutti gli altri sono al proprio domicilio ( e questo aiuta ad affrontare il periodo di quarantena in maniera diversa).

Era inevitabile che ritornassero i casi anche da noi a Olgiate Comasco e le notizie di questi giorni della cronaca italiana ed europea non facevano certo sperare in un esito diverso.

Per questo motivo, oltre a mantenere raziocinio ed equilibrio in tutte le comunicazioni, ricomincerò a chiedere un grosso senso di responsabilità, già ampiamento dimostrato nel recente passato, mantenendo quei comportamenti che possano impedire un ulteriore diffusione del virus: mascherine, distanziamento e lavaggio delle mani, gesti peraltro entrati nel nostro modo di vivere quotidiano.

Dovremo aspettarci un ulteriore aumento dei casi anche da quei settori che sono stati più preservati in passato ( scuola, attività extra scolastiche e sportive), complice anche la sovrapposizione del periodo delle influenze stagionali.

Per questo motivo, quest’anno come non mai è fondamentale vaccinarsi se si appartiene alle fascia di popolazione over 65, alle categorie fragili ed a quanti non rientrando nelle suddette, lavorano a contatto con il pubblico.

L’Amministrazione Comunale a tal proposito ha messo a disposizione dei nostri medici di base, su richiesta di ATS, la sala mostre del Medioevo per tutto il mese di novembre per effettuare le vaccinazioni anti influenzali.

Tutti abbiamo ancora negli occhi quanto successo da marzo a luglio, con i ricoveri dei nostri cari e dei lutti, delle limitazione dei nostri movimenti, della chiusura in casa e delle chiusure delle attività economiche che hanno avuto riscontri negativi per tutti.

A differenza del mese di marzo quando il Covid è arrivato come uno tsunami e ci ha trovato impreparati tutti, con un’impennata dei ricoveri che ha mandato in tilt le terapie intensive, oggi tutto il mondo medico e sanitario è di sicuro più preparato ad affrontare la cosiddetta “seconda ondata”, ma medici e infermieri vanno aiutati a non andare più in difficoltà.

Non ci possiamo permettere di abbassare la guardia adesso.

Ricordiamoci inoltre di guardare avanti, avendo memoria dei numeri dei mesi scorsi ma tenendo presente che i numeri e le dichiarazioni fatte a marzo non corrispondono alla situazione di luglio e non collimano nemmeno con ottobre perché ci sono tante e troppe variabili in ballo che ogni presa di posizione, legittima o meno, rischia di far passare in secondo piano il messaggio principale.

Da qui in avanti saranno solo ed esclusivamente i nostri comportamenti rispettosi delle regole quelli che determineranno i provvedimenti dei prossimi mesi…e fra meno di 70 giorni tutti quanti noi vorremmo festeggiare il Natale assieme alle nostre famiglie e non da soli...

L’Amministrazione Comunale di Olgiate Comasco e tutta la cittadinanza sono vicini ai nostri concittadini ed alle loro famiglie che si trovano a vivere la positività e la quarantena, come fatto fin dallo scorso mese di marzo.

Si chiede responsabilità, raziocinio, equilibrio nelle pubbliche dichiarazioni ( anche da parte del sottoscritto), attenzione massima anche e soprattutto alle pubblicazioni sui canali social, mezzi di comunicazione importanti ma che rischiano sempre di dividere il mondo in tifoserie…ed è quello di cui non abbiamo bisogno.

Il vostro Sindaco,
Simone Moretti

Ultimo aggiornamento

Giovedi 22 Ottobre 2020